Questo articolo è stato letto 1 volte

Animali da circo costretti in gabbia: è stato di sofferenza ex art. 727 C.P.

animali-da-circo-costretti-in-gabbia-e-stato-di-sofferenza-ex-art-727-cp.jpg

La Corte di Cassazione chiarisce che lo stato di sofferenza indicato dall’art. 727 C.P. va contestualizzato e riferito ad esseri viventi diversi dall’uomo, per i quali uno stato di sofferenza può prescindere dal dolore, fisico o morale, e riguardare la frustrazione di esigenze primarie, come il cibo e l’acqua o la possibilità di muoversi più o meno liberamente in un ambiente tollerabile.
E’ dunque vano pretendere, come vorrebbe il ricorrente, la prova della sofferenza fisica degli animali, che invece può essere integrata e ritenuta sussistente sulla scorta dalle particolari condizioni ambientali del luogo e dalle reazioni degli stessi esemplari, volta per volta considerati.
Consulta la Sentenza della Corte di Cassazione del 3.11.2016 n. 46144

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>