Questo articolo è stato letto 2 volte

Autovelox nascosto: la presegnalazione e la visibilità della postazione escludono l’occultamento

autovelox-nascosto-la-presegnalazione-e-la-visibilita-della-postazione-escludono-loccultamento.jpg

Il caso. Sia il Giudice di Pace che i Giudici di merito rigettavano l’opposizione proposta da un conducente avverso il verbale di contestazione per superamento dei limiti di velocità accertato con autovelox.
L’appellante ricorre per Cassazione denunciando l’occultamento dell’apparecchio di rilevazione all’interno di una siepe.

La Suprema Corte, ritiene infondati i motivi di ricorso inerenti al posizionamento dell’autovelox poiché diretti ad una nuova valutazione del fatto, evidenzia che già nei giudizi di merito veniva accertata la «presegnalazione della postazione nonché la perfetta visibilità della stessa da parte degli automobilisti in transito sull’autostrada, non essendo l’autovelox oggettivamente occultato ma semplicemente posizionato all’uscita di una corsia di reimmissione dell’area dell’autogrill».

Consulta la sentenza n. 7478/2018, Cassazione civile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>