Questo articolo è stato letto 0 volte

Bisogna sempre sapere a chi si affida il proprio veicolo, lo ribadisce la Cassazione

bisogna-sempre-sapere-a-chi-si-affida-il-proprio-veicolo-lo-ribadisce-la-cassazione.jpg

Si ricorre contro una sanzione comminata alla proprietaria di un’auto venuta meno all’obbligo di comunicare i dati della persona che, alla guida del suo veicolo, aveva commesso un’infrazione (art. 126-bis C.d.S.).

In particolare l’imputata sostiene, fra i vari motivi di ricorso, che “in una famiglia normale non può pretendersi il censimento continuo dell’uso dell’autoveicolo”. I giudici ribattono invece che, il proprietario di un veicolo deve sempre a conoscere l’identità dei soggetti ai quali ne affida la conduzione, essendo responsabile della sua circolazione nei confronti della PA e di terzi. Il proprietario del mezzo che non sia in grado di identificare il soggetto alla guida, quindi, risponde a titolo di colpa per negligente osservanza del dovere di vigilare sull’affidamento.

Consulta la Sentenza 18567/2017, Corte di Cassazione 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>