Questo articolo è stato letto 1 volte

Caporalato: anche se è trascorso molto tempo dai fatti il carcere è giustificato

caporalato-anche-se-e-trascorso-molto-tempo-dai-fatti-il-carcere-e-giustificato.jpg

Confermata la condanna per un uomo, un “caposquadra”, che usava violenza e minacce per ottenere denaro dai suoi sottoposti, in cambio del lavoro. Questi, assunti per l’azienda agricola per la quale lavorava anche l’imputato, erano costretti a consegnare quantità di denaro in cambio del mantenimento del posto di lavoro.

La difesa del “caporale” in Cassazione verte in particolare su un punto: il tempo trascorso fra il reato ascritto e il momento eventuale di applicazione della pena sarebbe eccessivo, tanto da rendere le misure cautelari abnormi e non più necessarie. Dati gli anni trascorsi il pericolo reale di ricaduta e di reiterazione del reato sarebbe trascurabile.

I giudici sono di opinione difforme e proseguono a confermare la Sentenza di condanna. L’uomo svolge tuttora la medesima mansione, nella medesima società. Il pericolo che le minacce, i ricatti e le ritorsioni ricomincino è alto, come fra l’altro testimonierebbero alcuni episodi particolarmente gravi (minacce di morte). Perciò ha ben poca importanza che siano trascorsi anni dal reato contestato, e si hanno tutte le ragioni per applicare la misura cautelare.

Consulta la Sentenza n. 16618 del 4.4.2017, Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>