Questo articolo è stato letto 33 volte

Chi non fa ferie le perde

Fonte: Italia Oggi

Dario Ferrara – Italia Oggi  – In collaborazione con Mimesi s.r.l.
STATALI
Perde le ferie il dipendente pubblico che non ne fruisce di proposito. I periodi annuali retribuiti di riposo per il lavoratore sono tutelati dalle norme fondamentali dall’Unione europea oltre che dalla Costituzione. E il datore deve assicurarsi che il prestatore sia effettivamente messo in condizione di godere dei giorni di relax e svago. Ma non si può costringerlo a imporne la fruizione ai lavoratori: è suffi ciente che dimostri di aver impiegato tutta la diligenza necessaria affi nché l’addetto possa esercitare concretamente il diritto. È quanto emerge dalla sentenza 1/2020, pubblicata dalla sezione unica del Tar della Valle d’Aosta. Viene bocciato il ricorso dell’ispettrice superiore della polizia penitenziaria, costretta agli straordinari perché nel carcere le sono affidate funzioni di comando per la storica carenza di dirigenti. A conti fatti emergono 173 giorni di congedo ordinario maturato e non fruito, più riposi e festività soppresse da godere tassativamente per legge entro l’anno, pena la perdita del diritto. E in effetti il datore deve essere trasparente nell’invitare il dipendente a utilizzare delle ferie annuali retribuite avvisandolo, in tempo utile e in modo accurato, che i giorni andranno perduti se non saranno sfruttati nel periodo di riferimento o di riporto autorizzato. L’articolo 7 della direttiva 2003/88/Ce, tuttavia, non può essere interpretato nel senso di ritenere sussistente in capo l’obbligo al datore di disporre la fruizione: deve ritenersi legittimo sul piano costituzionale contemperare le opposte esigenze dell’amministrazione e dei dipendenti. Contro l’ispettrice pesa l’accordo quadro nazionale sulle forze di polizia, secondo cui il congedo ordinario va programmato e fruito nell’anno solare di riferimento, salvo indifferi bili esigenze di servizio. Nella specie il superiore invita la lavoratrice a fruire dei periodi dei relativi agli anni 2018 e 2019, ma l’interessata pretende di godere anche di quelli maturati per 2015, 2016 e 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>