Questo articolo è stato letto 103 volte

Confisca dell’auto annullata se manca nel decreto penale

confisca-dellauto-annullata-se-manca-nel-decreto-penale.jpg

No alla confisca se non ce n’è traccia nel decreto penale di condanna dell’automobilista beccato al volante sotto l’effetto di droga.

La sanzione amministrativa risulta obbligatoria ma spetta al giudice irrogarla: quando se ne dimentica, non può essere il prefetto a disporla perché è escluso che l’amministrazione possa interferire con un provvedimento definitivo emesso dall’autorità giudiziaria. L’unico rimedio esperibile in tal caso è l’impugnazione.

Accolta l’opposizione contro l’ordinanza-ingiunzione ex art. 22 della legge n. 689/81 proposta dal proprietario del veicolo: annullato il provvedimento del prefetto, che non può ordinare la misura ablativa sul mezzo sulla base del verbale della stradale che rileva il reato ex art. 187, settimo comma, C.d.S.

Il decreto di penale di condanna, infatti, accerta in via definitiva il reato di guida in stato di alterazione derivante dall’uso di stupefacenti ma manca di disporre la sanzione amministrativa della confisca, che pure è obbligatoria in base all’art. 186, secondo comma, C.d.S.

Consulta la sentenza n. 244/2017, Giudice di Pace di Bergamo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>