Questo articolo è stato letto 0 volte

Contraffazione del marchio

contraffazione-del-marchio-1.jpg

Tuttavia il reato di cui all’art. 473, c.p., ha natura di reato plurioffensivo, destinato a tutelare non solo quel particolare bene giuridico, di natura immateriale e collettiva, rappresentato dalla pubblica fede, ma anche altri beni meritevoli di protezione, quali le privative sui marchi registrati, l’interesse alla regolarità del commercio e dell’industria e, più in generale, l’economia nazionale, secondo una condivisibile tendenza volta ad assicurare effettività ai principi costituzionali in materia di iniziativa economica e di proprietà privata. È quindi sufficiente e necessario che il marchio o il segno distintivo, di cui si assume la falsità, sia stato depositato, registrato o brevettato, nelle forme previste dalle leggi interne o dalle convenzioni internazionali sulla tutela della proprietà intellettuale o industriale, all’esito della prevista procedura, in quanto la falsificazione dell’opera dell’ingegno può aversi soltanto se essa sia stata formalmente riconosciuta come tale.

Leggi il testo della sentenza

 

Ti suggeriamo:
Prontuario di Polizia amministrativa
di Elena Fiore

Apprezzato da ben undici edizioni per la completezza e l’efficace struttura a schemi e tabelle di rapida ed agevole consultazione, il Prontuario è lo strumento ideale per svolgere gli adempimenti connessi alle specifiche attività di controllo, verifica e verbalizzazione in materia di:
– Commercio su aree private
– Commercio su aree pubbliche

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>