Questo articolo è stato letto 6 volte

Contraffazione pass disabili

contraffazione-pass-disabili.png

Inevitabile la condanna per contraffazione a carico del ricorrente per aver realizzato riproduzioni fotostatiche dell’originale del “pass disabili” che aveva apposto sulle autovetture in suo uso, nonché per il reato di truffa ai danni del Comune, per aver apposto i pass su entrambe le auto parcheggiate, traendo in inganno gli agenti accertatori.
La Suprema Corte con sentenza n. 38816/2017 depositata il 4 agosto ribadisce che «integrano il reato di falsità materiale commessa dal privato in autorizzazioni amministrative (artt. 477 e 482 c.p.) la riproduzione fotostatica dell’originale di un “permesso di parcheggio riservato ad invalidi”, attribuito ad altri, e l’esposizione di tale falso permesso sul proprio veicolo, allorché il relativo documento abbia l’apparenza e sia utilizzato come originale, non presentandosi come mera riproduzione fotostatica».

Consulta la sentenza n. 38816/2017, Corte di Cassazione, sez. penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>