Questo articolo è stato letto 0 volte

Controversie in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti

controversie-in-materia-di-risarcimento-del-danno-da-circolazione-di-veicoli-e-natanti.jpg

Il giudice di pace di Vietri di Potenza solleva questione di legittimità costituzionale in merito all’art. 3, comma 1, del d.l. 12  132/2014 che ha introdotto nell’ordinamento giuridico l’obbligo della   «negoziazione   assistita»,   quale «condizione di procedibilità della domanda giudiziale» per le cause in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti.  A parere del giudice a quo, infatti, la norma in oggetto costituisce un inutile doppione di quella contenuta negli articoli 145 e 148 del Codice delle assicurazioni private, che già prevedeva, come condizione di proponibilità della domanda risarcitoria, il previo esperimento di una richiesta stragiudiziale rivolta alla compagnia assicurativa da parte del danneggiato.  Per la Consulta tuttavia non si tratta di un inutile doppione avente come solo fine quello di rinviare sine die l’inizio del contenzioso. Al contrario, tali istituti assolvono a funzioni diverse e complementari.

Da un lato infatti il procedimento di messa in mora previsto dal codice delle assicurazioni private è finalizzato alla presentazione  di  una circostanziata richiesta risarcitoria, la cui  ratio  è  quella  di rafforzare  le  possibilità  di  difesa  offerte   al   danneggiato, attraverso il raccordo dell’onere di diligenza,  a  suo  carico,  con l’obbligo di cooperazione imposto all’assicuratore «Il quale, proprio in ragione della prescritta specificità di contenuto  della  istanza risarcitoria,   non    potrà    agevolmente    o    pretestuosamente disattenderla, essendo  tenuto  alla  formulazione  di  una  proposta adeguata nel quantum».

Al contrario invece la negoziazione assistita si pone in una fase successiva (ed eventuale, potendosi il procedimento chiudere bonariamente già durante la prima fase stragiudiziale), che presuppone  che  (nel  contesto  della procedura di messa in mora)  l’offerta  risarcitoria  non  sia  stata

ritenuta satisfattiva dal  danneggiato,  ovvero  che  non  sia  stata

neppure formulata dall’assicuratore. Per i giudici costituzionali quindi, anche se non vi è stato accordo riguardo la prima proposta risarcitoria effettuata dal danneggiato nei confronti della Compagnia, ciò non significa che la vicenda debba andare subito a processo, potendo benissimo risolversi nell’ambito della “negoziazione assistita” con evidente vantaggio non solo per le parti (minori tempi di attesa e costi inferiori), ma anche per lo stesso sistema di amministrazione della giustizia.

Leggi la sentenza della Corte Costituzionale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>