Questo articolo è stato letto 37 volte

Corruzione: la condanna può arrivare anche se la ricompensa è successiva al “favore”

corruzione-la-condanna-puo-arrivare-anche-se-la-ricompensa-e-successiva-al-favore.jpg

La Corte di Cassazione, esaminando il caso di un uomo accusato di corruzione ai sensi dell’art. 319 del Codice Penale (“corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio”), ricorda che la “compravendita”, il patto fra le parti, non deve necessariamente essere preventivo. Ben può configurarsi il reato anche se la corruzione è di tipo successivo. Nel caso in esame, preso ad esempio, è stata versata una ricompensa per il favore fatto dal membro di una commissione per una gara d’appalto.

Inoltre i giudici ricordano che configura il reato di corruzione (art. 319 C.P.) l’asservimento del pubblico ufficiale ad interessi personali di terzi, che si traduca in atti anche formalmente legittimi (in quanto discrezionali e non rigorosamente predeterminati) finalizzati all’obiettivo di realizzare l’interesse del privato dietro la corresponsione di somme di denaro.

Consulta la sentenza n. 35940/2017, Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>