Questo articolo è stato letto 4 volte

Custodia di arma da fuoco: corretto metterla sotto il materasso? Sì, ma sono necessarie ulteriori precauzioni

custodia-di-arma-da-fuoco-corretto-metterla-sotto-il-materasso-si-ma-sono-necessarie-ulteriori-precauzioni.jpg

Qual è il posto migliore per custodire un’arma da fuoco? Una cassapanca in salotto? Il cassetto di un mobile in veranda? Sotto il materasso? O magari tutti e tre? Questo è quanto escogitato da un uomo per custodire, a suo avviso in sicurezza e nel rispetto delle norme previste dalla legge n. 110 del 1975  (“Norme integrative della disciplina vigente per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi”), una pistola legittimamente posseduta.

Sotto il materasso viene nascosta l’arma vera e propria, il caricatore è occultato nella cassapanca e 50 cartucce stanno inerti in un mobile. Secondo i giudici del tribunale tali accorgimenti non bastano per garantire la sicura custodia della pistola,  perciò procedono a comminare una sanzione pari a 200€

Di diverso avviso è la Corte di Cassazione. Considerato che l’imputato vive solo e non è provato che accedano alla casa dei minorenni (circostanza che impone una maggior prudenza in materia di armi da fuoco) appare evidente che egli abbia adottato cautele idonee a scongiurare il pericolo che qualcuno possa entrare in possesso dell’arma o incappare accidentalmente nel suo ritrovamento.

Il ricorso è quindi accettato. In un caso del genere, conservare le tre parti dell’arma in tre luoghi diversi, avendo inoltre l’accortezza di occultarle, è sufficiente a garantirne la corretta custodia.

Consulta la Sentenza n. 13570 del 20.3.2017, Corte di Cassazione 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>