Questo articolo è stato letto 0 volte

Diritto di accesso ai documenti amministrativi

diritto-di-accesso-ai-documenti-amministrativi-3.gif

D’altro canto, dalla nota in questione non emerge né se gli atti di p.g. siano stati compiutamente compendiati in una informativa di reato, né quale sia il livello di completezza delle indagini finora svolte. Sicchè, in assenza di concreti elementi da cui desumere l’attuale esistenza di indagini e soprattutto il loro oggetto ed il loro grado, non può che ritenersi che le ragioni indicate siano recessive rispetto all’esigenza di trasparenza.
Ciò è tanto più vero laddove si pensi che l’atto di cui si chiede l’ostensione (verbale di identificazione) non pregiudica in modo alcuno le indagini da svolgersi o la loro segretezza, in quanto si riferisce ad un avvenimento che risulta del tutto noto (e per ciò non segreto) sia al richiedente sia al controinteressato. Risulta di tutta evidenza che ogni ulteriore documento inerente agli atti di indagine esula dal novero degli atti ostensibili, a tutela del perdurante dovere di segretezza.

Vedi il testo della sentenza 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>