Questo articolo è stato letto 9 volte

Disabile: revoca assegnazione posto auto personalizzato

disabile-revoca-assegnazione-posto-auto-personalizzato.jpg

Il Comune può revocare l’assegnazione dello stallo personalizzato per la sosta dell’auto se la commissione istituita dal Comune rileva che l’interessato può camminare: il posto sarà assegnato a un’altra persona diversamente abile che ha problemi maggiori.

La concessione dei posteggi personalizzati ai portatori di handicap non risulta affatto limitata ai soli disabili abilitati alla guida con patente speciale: la facoltà deve ritenersi estesa «a qualsiasi situazione critica».

Nella specie non sussiste la situazione molto difficile per il disabile richiesta dalla normativa: la commissione stabilisce che il posto auto ad personam non deve ritenersi necessario perché non si rileva «una capacità di deambulazione impedita o sensibilmente ridotta». E lo fa alla presenza del rappresentante dell’Asl. L’interesse pubblico sussiste proprio perché lo stallo “privato” sarà destinato a un’altra persona più bisognosa. E ai fini della trasparenza all’amministrazione locale basta comunicare all’interessato l’avvio del procedimento, come avvenuto nella specie.

Consulta la sentenza n. 1015/2018, Tar Toscana, Firenze

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>