Questo articolo è stato letto 9 volte

Disciplina degli orari di pubblico spettacolo: il sindaco può limitare la durata degli spettacoli musicali?

disciplina-degli-orari-di-pubblico-spettacolo-il-sindaco-puo-limitare-la-durata-degli-spettacoli-musicali.jpg

Una Ditta impegnata in attività di organizzazione di eventi e concerti propone ricorso contro un’ordinanza sindacale con la quale è stato consentito lo svolgimento di spettacoli musicali, in aree aperte, unicamente dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 24

Ciò ha evidentemente influenzato anche le licenze rilasciate dall’ente a tale ditta, limitandone l’attività e impedendo una serie di manifestazioni di musica non stop, già autorizzate in precedenza e ora oggetto di limitazione. 

<h2>Il sindaco può limitare la durata dei concerti?</h2>

Il regolamento comunale di riferimento stabilisce che è consentito svolgere attività di intrattenimento e/o pubblico spettacolo in aree private, aperte al pubblico entro le ore 24 del giorno di inizio.

Secondo i giudici ciò non è comunque di contrasto alla possibilità di introdurre ulteriori limitazioni alle suddette attività (appunto riducendole alle fasce orarie 9-13 e 17-24, al fine di garantire periodi di riposo alle persone).

Rigettato quindi il ricorso: il sindaco ha il potere, tramite ordinanza, di limitare la durata degli spettacoli musicali eseguiti in aree aperte. 

Consulta la Sentenza TAR Puglia n. 930/17

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>