Questo articolo è stato letto 0 volte

“E il tagliando dell’assicurazione?” Le auto dei vigili ne fanno a meno

Fonte: bari.repubblica.it

Che ogni auto sul suolo pubblico debba tenere bene in vista il contrassegno dell’assicurazione, ce lo confermano due vigili urbani in piazza Umberto, appena usciti da un’auto di servizio: una Punto blu col parabrezza talmente pulito, che gli agenti devono aver pensato fosse un peccato rovinarlo con il porta assicurazione. Ma questa non è l’unica vettura dei vigili col parabrezza spoglio in giro per la città. Davanti alla Prefettura ci sono tre auto e un furgoncino della polizia municipale, ma del contrassegno dell’assicurazione non c’è nessuna traccia. Perfino fuori dal comando della polizia municipale, al quartiere Japigia, seduto nella sua auto senza contrassegno, se ne sta un agente incurante di violare lo stesso codice della strada che è tenuto a far rispettare ai cittadini.

Se un comune mortale dimenticasse di esporre il contrassegno dell’assicurazione, infatti, si beccherebbe una multa che, secondo l’articolo 181 del Codice della strada, oscilla tra i 24 e i 94 euro. E poiché la legge è uguale per tutti, almeno sulla carta, come mai la polizia municipale di Bari non usa esporre l’assicurazione? “E’ stata una nostra mancanza”, spiega il comandante dei vigili urbani, Stefano Donati che assicura: “Dopo la vostra segnalazione, stiamo provvedendo a far esporre i contrassegni in tutti i mezzi”: un parco auto di un centinaio di autovetture. Le nostre, aggiunge, “sono auto come tutte le altre e quindi anche noi abbiamo l’obbligo di esporre l’assicurazione”. 

Fino a ieri, però, “la prassi era un’altra e il contrassegno lo tenevamo nel libretto e, all’occorrenza, lo tiravamo fuori”. Un’usanza di cui sono convinti anche gli agenti in servizio ai quali chiediamo spiegazioni sul contrassegno fantasma: “Non siamo obbligati a esporlo”, dicono contraddicendo il loro stesso comandante: “Tanto si sa che le auto pubbliche sono assicurate”. Eppure Donati tiene a precisare che “non siamo mica a Napoli, dove non c’erano i soldi per assicurare le auto: la nostra è stata una dimenticanza ma ora è tutto apposto”. Non proprio tutto, però, dal momento che mentre parliamo con lui ci sfreccia davanti un’altra auto senza tagliandino. 

“Non è possibile”, tuona il co-mandante che ci invita “a controllare anche le auto delle altre forze dell’ordine, della Prefettura e del Comune di Bari”, per verificare che la “prassi di non esporre il contrassegno” è diffusa “tra le auto pubbliche”. Seguiamo il consiglio e troviamo subito un’auto della polizia di Stato, in via Piccinni, in effetti senza il tagliando sul parabrezza. 

Mentre altre tre vetture, due del Comune e una della Prefettura, in piazza Libertà, espongono il contrassegno in bella vista. Proseguendo la passeggiata a caccia di tagliandi, incrociamo anche il sindaco di Bari, Michele Emiliano, al quale chiediamo spiegazioni: “Probabilmente  –  dice  –  la polizia municipale non ha l’obbligo di esporre il contrassegno ma garantisco che le auto sono assicurate, altrimenti la responsabilità ricadrebbe sui dirigenti del Comune, i quali, stia sicuro, preferirebbero non far uscire le auto piuttosto che mandarle in giro senza assicurazione”. Non “avevo idea di questo problema fino a oggi, ma credo si tratti di una mancanza grave della polizia municipale”, rileva il direttore generale del Comune, Vito Leccese, promettendo che “darà disposizioni affinché siano immediatamente esposti i contrassegni dell’assicurazione in tutte le vetture dei vigili urbani”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>