Questo articolo è stato letto 0 volte

Eccesso di velocità: ripartizione dei proventi

eccesso-di-velocita-ripartizione-dei-proventi.jpg

Gli artt. 142 e 208 C.d.s., così come modificati dalla legge n. 120/2010 hanno stabilito i criteri di ripartizione dei proventi sanzionatori, introducendo il principio della ripartizione a metà dei proventi delle violazioni per eccesso di velocità accertate da parte della polizia municipale su strade non di proprietà comunale. Un Comune inoltra alla Corte dei Conti i seguenti quesiti:

1) Quali sono le modalità di calcolo dell’importo da ripartire? Come si calcola il quantum da suddividere a metà?

2) Si possono, prima di procedere alla divisione della somma, detrarre tutte le somme sostenute per accertare (autovelox, telelaser, software) e per contestare (spese di notifica) la violazione?

Leggi il Parere della Corte dei Conti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>