Questo articolo è stato letto 11 volte

Falsificazione della patente

Se la condotta non è punibile perché non vi è prova che il reato sia stato commesso in Italia, torna ad essere punibile l’uso di atto falso.
Ai fini dell’integrazione del reato di uso di atto falso (art. 489 2 cod. pen.), é necessario che l’agente non abbia concorso nella falsità ovvero che non si tratti di concorso punibile, sicché sussiste reato quando la falsificazione non é punibile perché commessa all’estero, in difetto della condizione di procedibilità rappresentata dalla richiesta del Ministro della Giustizia ex art. 10 cod. pen., e l’agente abbia fatto uso dell’atto nello Stato.

Consulta la sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>