Questo articolo è stato letto 30 volte

Guida in stato di ebbrezza e irregolarità dell’alcoltest

guida-in-stato-di-ebbrezza-e-irregolarita-dell-alcoltest.jpg

Il caso. Un automobilista provoca un incidente, sottoposto ad alcoltest viene riscontrato un tasso alcolemico superiore a quello consentito, ma l’accertamento non è in grado di stabilire quanto alcol ha effettivamente in corpo l’imputato al momento del sinistro posto che l’etilometro è stato utilizzato a distanza di circa due/tre ore dal fatto.

Per ciò che attiene agli elementi sintomatici descritti nel verbale, la sentenza precisa che l’alito vinoso è un sintomo che innanzitutto “può essere confuso per effetto di sostanze che possono simulare tale percezione (es. chetoni che si riscontrano nel digiuno prolungato, nel diabete scompensato e nel reflusso gastroesofageo)” e che, in ogni caso, si riscontra in conseguenza della semplice assunzione recente di sostanze alcoliche senza consentire la ricostruzione dell’entità del tasso alcolemico.

Come evidenziato dal giudice il profilo cinetico dell’alcol etilico è caratterizzato in maniera peculiare dalla circostanza che la velocità di assorbimento gastro-intestinale di tale sostanza dipende da molteplici fattori e che quindi se tra la verificazione del sinistro e l’incidente decorre un discreto lasso temporale non è possibile accertare in termini di certezza l’entità del tasso di concentrazione dell’alcol nel sangue al momento del sinistro. L’imputato è stato pertanto assolto perché il fatto non sussiste.

Consulta la sentenza n. 1249/2017, Tribunale di Treviso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>