Questo articolo è stato letto 4 volte

Guida in stato di ebbrezza: sì al prelievo ematico senza il consenso dell’interessato

guida-in-stato-di-ebbrezza-si-al-prelievo-ematico-senza-il-consenso-dellinteressato.jpg

L’automobilista lamentava la violazione di legge e di vizio di motivazione in relazione alla questione dell’utilizzabilità delle analisi del sangue effettuate sulla sua persona presso il pronto soccorso, dopo il verificarsi del sinistro nel quale lo vedeva coinvolto, senza che gli fosse dato avviso di tale prelievo e della facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia.

Per la Corte il prelievo ematico che i sanitari compiono autonomamente in esecuzione di protocolli ordinari di pronto soccorso non si configura come un atto di polizia giudiziaria indifferibile e urgente se mancano indizi di reità a carico del soggetto coinvolto nel sinistro stradale e, quindi, non necessita dell’avviso all’indagato della facoltà di farsi assistere da un legale né richiede un indispensabile consenso preventivo.

Respinto il ricorso dell’automobilista condannato per essersi messo alla guida ubriaco.

Consulta la sentenza n. 39881/2017, Cassazione penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>