Questo articolo è stato letto 143 volte

Il Comandante di Polizia Municipale può svolgere funzioni di amministrazione attiva?

il-comandante-di-polizia-municipale-puo-svolgere-funzioni-di-amministrazione-attiva.jpg

Il comune vara un nuovo “Piano Generale per gli Impianti Pubblicitari” e impianti e affissioni preesistenti si trovano a non essere in linea con le nuove disposizioni. Può essere compito del Comandante di Polizia Municipale confermare e/o concedere nuove e vecchie autorizzazioni? No, stando ad una recente sentenza del TAR della Campania.

La sentenza: il comandante non può emettere autorizzazioni in materie su cui deve vigilare

Al fine di prevenire potenziali conflitti d’interesse, al comandante della Polizia Municipale non possono essere attribuite funzioni della struttura amministrativa, anche se queste ultime possono interessare il corpo di P.M. dal punto di vista del controllo e della repressione delle violazioni. Questo concorda con quanto già affermato dall’Autorità Anticorruzione nell’Orientamento n. 19 del 10 giugno 2015: “Colui che riveste il ruolo di Comandante della Polizia Locale non può svolgere funzioni di responsabilità nell’esercizio di servizi di un Comune per i quali è necessario emettere provvedimenti autorizzatori o concessori oggetto di attività di controllo in virtù della sua principale qualifica, sussistendo un’ipotesi di conflitto di interesse, anche potenziale.”

Concedere al Comandante di Polizia Municipale facoltà autorizzatoria concentrerebbe in una sola figura la funzione di rilasciare autorizzazioni e, al contempo, di vigilare sulle stesse. Il conflitto di interesse è evidente: “vengono in tal modo a coincidere in un unico soggetto la funzione di controllore dei provvedimenti che egli stesso ha rilasciato e degli atti amministrativi che ha a tal fine adottato, con conseguente dequotazione del principio di imparzialità, vulnerato, anche solo potenzialmente, laddove la funzione di controllore venga attribuita allo stesso soggetto controllato”.

Consulta il testo della Sentenza 24.11.2016 n. 5463 del TAR Campania

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>