Questo articolo è stato letto 0 volte

Il Comune di Bologna cerca fondi per i semafori con countdown per i pedoni

Fonte: bologna.repubblica.it

Dotare più incroci di conto alla rovescia per il semaforo pedonale: è l’ipotesi su cui sta lavorando il Comune di Bologna, dopo l’esperienza positiva ai sei impianti semaforici che già li hanno in dotazione. Il primo a debuttare fu quello sotto le Due torri e le difficoltà di attarversamento per i pedoni sono sparite.

“Abbiamo individuato alcune decine di postazioni prioritarie”, spiega l’assessore alla Mobilità, Andrea Colombo, a margine di una commissione sul tema. Una strada potrebbe essere quella di attingere a fondi europei. Per ogni incrocio, si parla di un investimento intorno ai 1.000 euro. Non sarebbe invece possibile installare analoghi sistemi per il conto alla rovescia per le auto (che così potrebbero spegnere il motore in attesa del verde) perché è un sistema centralizzato a governare gran parte degli incroci cittadini: la durata delle fasi di verde e di rosso viene decisa in base ai flussi di traffico e ricalcolata ogni tre secondi. Un margine, questo, che impedisce la possibilità di inserire il conto alla rovescia. Per gli attraversamenti pedonali, invece, il discorso cambia perché la fase di verde è calcolata in base alla larghezza della strada (un secondo per ogni metro) e quindi e’ fissa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>