Questo articolo è stato letto 0 volte

Il Governo studia lo stop al bollo auto, vale 6 mld

Fonte: www.gdc.ancitel.it

E’ allo studio del governo l’abolizione del bollo auto ma la misura costerebbe alle Regioni quasi 6 miliardi di euro. Una bella somma che dovrebbe essere coperta da altrettante risorse. Eppure, a quanto assicurano fonti dell’esecutivo, il premier Matteo Renzi, “forse già nella prossima legge di Stabilità e comunque entro la fine della legislatura”, vorrebbe fare sul bollo auto quanto già sperimentato sull’Imu prima casa.

Il bollo auto, una tassa che interessa quasi 50 milioni di veicoli, vale per l’esattezza 5,9 miliardi di euro e, insieme all’addizionale Irpef, è l’unica entrata di cui le Regioni dispongono per le spese extrasanitarie che vanno dal sociale al lavoro ai trasporti alle infrastrutture. “In media copre il 30% della parte del bilancio non sanitario della Regione”, spiega il coordinatore degli assessori al bilancio per la Conferenza delle Regioni, il leghista Massimo Garavaglia.

I governatori potrebbero dunque mettersi di traverso di fronte a questa scelta, salvo che il governo, come per l’Imu e i Comuni, assicurerà loro il rimborso del mancato gettito. Forse potrebbe aiutare il fatto che alla presidenza della Conferenza delle Regioni siede il renziano Stefano Bonaccini.

Il bollo è tra le tasse percepite come odiose dagli italiani, su un settore su cui pesano diversi costi, dall’imposta sull’Rc auto alle accise sulla benzina, tanto che “il gettito complessivo del comparto automotive è stato stimato nel 2014 pari a circa 72 miliardi di euro e la tassa automobilistica pesa per circa l’8%”, riferisce Salvatore Moretto, direttore del Servizio Gestione Tasse Automobilistiche dell’Aci. Né la gestione da parte delle diverse Regioni è sempre omogenea (tra sconti ed esenzioni) o efficiente, con un tasso di evasione che in media è del 12%.

Il nodo vero sarebbe quello delle risorse da trovare per la copertura. Per questo, sostiene la fonte di governo, non è escluso che l’operazione possa cominciare alleggerendo il peso su alcune categorie: auto storiche, tasse sui passaggi di proprietà, neo-immatricolazioni o addirittura il superbollo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>