Questo articolo è stato letto 19 volte

Incidente: Il colpo di sonno dovuto a stanchezza è prevedibile

La Corte d’Appello, dopo avere dato atto delle conclusioni dell’elaborato peritale per cui la causa del sinistro doveva ritenersi legata ad un colpo di sonno o ad un malore improvviso, concludeva per l’esclusione del malessere improvviso. I giudici di secondo grado, infatti, ritenevano ben ipotizzabile che la causa fosse stata anche una mera distrazione, dovuta alla stanchezza derivante dall’ora, dalla mancanza di riposo e dalla fatica per la giornata e la serata trascorsa fuori casa, mentre sostenevano che nulla indicasse l’esistenza di un qualche malore improvviso ed inabilitante.

Di conseguenza, tutti gli elementi concreti relativi al caso di specie facevano concludere i giudici per la configurabilità del colpo di sonno, dovuto alla stanchezza ed all’ora tarda, rispetto al malessere improvviso, tesi del tutto ipotetica e sfornita di prova.

Non coglie dunque nel segno la censura del ricorrente, che, sul punto, tende a sovrapporre le due ipotesi, fra loro molto diverse. Mentre il malessere, infatti, può concretamente manifestarsi come imprevedibile, e dunque tale da escludere la responsabilità dell’agente, il colpo di sonno è al contrario una situazione patologica che consegue ad una sensazione di malessere dovuta a stanchezza e spossatezza, dunque, di norma, ampiamente prevedibile e ponderabile. In presenza di tale ultima situazione di malessere, infatti, è doveroso astenersi dalla guida, ove possa esserci il rischio della perdita di controllo del veicolo.

Consulta la sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>