Questo articolo è stato letto 5 volte

Ingiunzione di pagamento: chiarimenti sulle modalità di utilizzo e sulle tempistiche

ingiunzione-di-pagamento-chiarimenti-sulle-modalita-di-utilizzo-e-sulle-tempistiche.jpg

La procedura di recupero di somme dovute a titolo di contravvenzioni stradali (che non superino i 1.000€) attraverso l’ingiunzione di pagamento, è stata recentemente sdoganata dalla giurisprudenza. Una recente sentenza del Giudice di Pace di Taranto getta ulteriore luce sul procedimento, chiarendone alcune peculiarità.

L’iscrizione a ruolo deve sempre precedere l’ingiunzione

Per poter procedere alla riscossione coattiva del debito, prima di inviare l’ingiunzione di pagamento è indispensabile dare comunicazione all’automobilista moroso dell’avvenuta iscrizione a ruolo. Questa deve precedere di almeno 120 giorni l’invio dell’ingiunzione. Laddove queste tempistiche non dovessero essere rispettate o si procedesse all’invio congiunto di entrambe le comunicazioni il verbale di accertamento sarebbe da ritenersi nullo.

Consulta la sentenza n. 1220/16 del Giudice di Pace di Taranto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>