Questo articolo è stato letto 21 volte

Investe il cinghiale con l’auto e lo finisce a colpi di coltello: condannato

investe-il-cinghiale-con-lauto-e-lo-finisce-a-colpi-di-coltello-condannato.jpg

Una battuta di caccia decisamente atipica, quella di cui ci occupiamo. Trattiamo infatti il caso di un uomo che ha deliberatamente investito un cinghiale, per poi scendere dall’auto e finire l’opera dando al povero animale numerose coltellate.

Se ne è occupata la Corte di Cassazione, sentenza n. 35536/2017, con la quale è stata confermata la condanna per l’uomo ai sensi dell’art. 544-bis del Codice Penale , che punisce con la reclusione da quattro mesi a due anni chiunque cagiona per crudeltà e senza necessità la morte di un animale. Fondamentale il fatto che l’uomo fosse ben consapevole di avere volontariamente cagionato una situazione di potenziale pericolo. L’uccisione dell’animale non è avvenuta quindi per “mettersi in salvo” ma, al contrario, per sola crudeltà.

Consulta la sentenza n. 35536/2017 della Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>