Questo articolo è stato letto 51 volte

La Cassazione sulla legittimità dei buoni pasto dei vigili stabiliti in contrattazione nei turni pomeridiani e serali

Un agente della polizia municipale ha adito il giudice del lavoro al fine di vedersi riconoscere i buoni pasto a lui spettanti, per aver svolto i turni pomeridiani e serali non considerati esclusi dalla contrattazione decentrata. In considerazione del rigetto del ricorso da parte della Corte di appello, la Cassazione (ordinanza n.21593/2020), adita in ultima istanza dal vigile, ha dichiarato inammissibile il ricorso, ma ha indicato una specifica strada sulla corretta interpretazione della normativa.

Consulta la sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>