Questo articolo è stato letto 0 volte

La contestazione impossibile delle violazioni al codice della strada

L’analisi, ancorché sommaria, del quadro giurisprudenziale di riferimento offre una ampia varietà di casistiche di contestazione oggettivamente impossibile e ciò conferma che, al di là dei casi, questi sì tassativi, di contestazione non necessaria, legislativamente confinati nell’articolo 201, comma 1-bis, non esiste un elenco tassativo di casi che possono giustificare la deroga all’obbligo previsto dall’articolo 200 del codice della strada, ma che ogni volta e necessario valutare quanto concretamente accaduto, per stabilire se l’insieme delle cause oggettive e/o soggettive che hanno indotto il pubblico ufficiale a non procedere alla contestazione immediata rappresenti una giustificazione accettabile all’obbligo di contestazione immediata.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>