Questo articolo è stato letto 0 volte

La Pubblica amministrazione diventa digitale (o almeno ci prova)

Fonte: www.publicpolicy.it

Secondo una bozza di decreto legislativo messo a punto dal governo, tra quelli previsti dalla riforma della P.a. a firma della ministra Marianna Madia, viene rafforzato l’aspetto “telematico” nelle amministrazioni pubbliche. 

In arrivo, tra le altre cose, il domicilio digitale, i micro-pagamenti tramite credito telefonico, l’indice degli indirizzi delle P.a., il potenziamento delle reti internet negli uffici e luoghi pubblici, le partecipazione politica per via elettronica, la conferenza permanente dell’innovazione tecnologica (che avrà sede a Palazzo Chigi) e l’incentivo delle firme digitali ed elettroniche. 

La bozza di provvedimento, che dovrebbe arrivare sul tavolo delConsiglio dei ministri entro fine anno, dovrebbe arrivare in Parlamento dopo l’esame del ddl Stabilità. Il provvedimento, al momento, conta in totale 58 articoli che modificano il Codice dell’amministrazione digitale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>