Questo articolo è stato letto 0 volte

Le auto con il keyless facile preda dei ladri

Fonte: http://www.alvolante.it/

SISTEMI KEYLESS SOTTO LA LENTE – I sistemi keyless, di apertura senza chiave delle vetture, sono a prova di ladro? La risposta è “no”, secondo un’indagine condotta dal Touring Club Svizzero. Lo studio è stato effettuato su oltre cento tipi di vetture prodotte da Alfa Romeo, Audi, BMW, Citroën, Fiat, Ford, Honda, Hyundai, Jaguar, Kia, Land Rover, Lexus, Mazda, Mercedes, Mini, Mitsubishi, Nissan, Opel, Peugeot, Renault, Seat, Skoda, SsangYong, Suzuki, Subaru, Tesla, Toyota, Volvo e Volkswagen. In ognuna delle vetture esaminate, risulta che il segnale del keyless è amplificabile, che l’apertura illecita è possibile così come l’accensione illecita del motore. Nessuna delle cento auto ha resistito a neanche uno di questi tre punti, neppure le vetture di fascia alta.

COME FUNZIONA – Il funzionamento dei sistemi keyless è semplice: quando ci si avvicina alla propria auto, con la chiave in tasca, le portiere si aprono grazie ad un segnale radio unico per ogni auto. I sistemi keyless, sempre di più, comprendono anche la possibilità di accendere il motore senza inserire la chiave, semplicemente schiacciando un bottone. Una tecnologia sicuramente comoda ma che, secondo quanto emerge dai dati forniti dal TCS, è vulnerabile. In pochi secondi, infatti, le automobili con il keyless sono state manomesse, usando un semplice sistema facilmente replicabile da chiunque.

UN PO’ DI ASTUZIA E IL GIOCO È FATTO – Per rubare un’auto, secondo il metodo usato nel test, bastano due persone, un piccolo ricevitore di onde radio e un trasmettitore. La prima persona, con il ricevitore, si avvicina al proprietario o al posto dove la chiave dell’auto è riposta; la seconda persona, con il trasmettitore, si apposta vicino all’auto nel mirino. Così facendo, il segnale di apertura e accensione dell’auto viene diffuso per un centinaio di metri di distanza rispetto al luogo in cui si trova la chiave originale. E la vettura oggetto dei malintenzionati si apre, si accende e può procedere per chilometri fino allo spegnimento. Dopo il furto, tra i grattacapi annessi e connessi per il proprietario, c’è anche quello assicurativo: l’auto manomessa, infatti, non riporta alcun segno di scasso con questo sistema. In altre parole, a volte bisogna dimostrare all’assicurazione che il furto è stato reale e non il frutto di una messa in scena per incassare i soldi con una frode.

GIRO DI VITE DEL TCS – Nelle sue conclusioni, il TCS va diretto al punto auspicando che i costruttori riescano a migliorare la sicurezza dei propri veicoli in breve tempo. Il TCS sottolinea anche che i sistemi keyless sono spesso un optional a pagamento ma che sono meno sicuri dei sistemi di apertura standard, a telecomando e chiave.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>