Questo articolo è stato letto 0 volte

Mobbing

mobbing.jpg

Appare allora coerente con tali principi l’aver considerato inidoneo a dimostrare l’intento persecutorio o la volontà di emarginare il lavoratore il mero fatto di aver operato scelte organizzative che, pur non gradite al medesimo, fossero tuttavia funzionali ai fini da perseguire con l’attività che era a lui demandata

Vedi il testo della sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>