Questo articolo è stato letto 6 volte

Modifiche al codice della strada – le audizioni di ANCI E UPI

Giovedì 21 febbraio, in Commissione Trasporti della Camera, nell’ambito dell’esame delle proposte di legge sulle modifiche al Codice della strada, si sono svolte le audizioni dei rappresentanti di: Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI), Associazione nazionale dei piccoli comuni d’Italia (ANPCI), Unione nazionale comuni, comunità, enti montani (UNCEM), Unione delle province d’Italia (UPI)
Di seguito le posizioni sostenute in Commissione:
ANCI: I Comuni ritengono necessario poter disporre, finalmente, di un Codice della strada rivisitato nella parte dei centri urbani in un testo che riesca a regolare i principi fondanti sulla mobilità e i trasporti, coordinandolo con le regole che disciplinano tutti i settori che interessano le città. Ma il testo deve avere una visione complessiva passando dalla sperimentazione sul campo ad una vera e propria strategia della mobilità sostenibile”.
UPI: Occorre rilanciare un piano degli investimenti su strade, ponti e gallerie in gestione alle Province, per assicurare ai cittadini strade sicure e una rete di infrastrutture in grado di supportare il traffico privato e il trasporto di merci.

Consulta i documenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>