Questo articolo è stato letto 76 volte

Multe seriali: illegittime le sanzioni successive alla prima perché il Comune non avvisa della scadenza del titolo per l’accesso alla ZTL

multe-seriali-illegittime-le-sanzioni-successive-alla-prima-perche-il-comune-non-avvisa-della-scadenza-del-titolo-per-laccesso-alla-ztl.jpg

Il caso. Multe seriali, per violazione dell’art. 7, comma 14, Cds., nei confronti di una società che non ha rinnovato il permesso per far accedere l’autocarro aziendale alla zona a traffico veicolare limitato. Il Comune non avvisa che è scaduta l’autorizzazione per entrare nell’area off limits ai veicoli e l’azienda è in buona fede perché proprio in quel periodo ha cambiato ragione sociale.

Si può ritenere la buona fede dell’azienda richiesta dall’articolo 3 della legge n. 689/81 che esclude la responsabilità quando la violazione risulta commessa per un errore sul fatto non determinato da colpa. La società, d’altronde, dopo la notifica della prima sanzione provvede a pagarla e a rinnovare il permesso, cui ha diritto. Non possono dunque essere punite perché manca l’elemento soggettivo tutte le contravvenzioni successive alle prima infrazione e precedenti alla notifica di quest’ultima.

I verbali sono dunque annullati perché l’erogazione di una sanzione amministrativa presuppone anche un elemento soggettivo quanto meno di colpa.

Consulta la sentenza n. 7972/2017, Giudice di Pace di Milano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>