Questo articolo è stato letto 8 volte

Nazionalizzazione veicolo al seguito di connazionali rimpatrianti

nazionalizzazione-veicolo-al-seguito-di-connazionali-rimpatrianti.jpg

Al fine della nazionalizzazione di veicoli al seguito di connazionali rimpatrianti, l’Agenzia delle Entrate ha gia avuto modo di chiarire, a seguito di specifica richiesta da parte di questa Amministrazione, che occorre comunque il preventivo censimento dei veicoli in parola, al fine di consentire all’Agenzia stessa di effettuare gli accertamenti del caso.

Detto censimento va effettuato dal connazionale rimpatriante in qualita di “privato”, secondo le disposizioni contenute nel decreto richiamato in oggetto, senza ovviamente la necessità di indicare gli estremi della fattura d’acquisto ed il relativo importo essendo evidente che, nel caso di specie, non vi è stato un acquisto intracomunitario.

In alternativa, laddove ciò si rendesse indispensabile per una corretta definizione della procedura di censimento, la data della fattura può essere sostituita con la data del rimpatrio e indicando un importo pari a zero.

Consulta la circolare prot. n. 17206/08.03, MIT

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>