Questo articolo è stato letto 53 volte

Omessa contestazione immediata: annullata l’ingiunzione per eccesso di velocità rilevato dal telelaser

omessa-contestazione-immediata-annullata-lingiunzione-per-eccesso-di-velocita-rilevato-dal-telelaser.png

Annullata l’ingiunzione dopo la sentenza n. 18156/2017 della Corte di Cassazione. L’eccesso di velocità rilevato dal telelaser non risulta contestato subito dagli agenti, mentre l’apparecchio consente di conoscere l’andatura del veicolo a 610 metri di distanza.

Insufficiente la motivazione del verbale che per spiegare perché l’auto non è stata fermata subito rimanda alle deroghe consentite per gli autovelox e gli altri strumenti tali da non richiedere la presenza in loco degli operatori.

Accolto il ricorso dell’automobilista, la velocità della macchina, oltre 110 chilometri l’ora contro i 50 consentiti, è rilevata in avvicinamento e dunque la pattuglia ben poteva fermare il trasgressore.
L’apparecchio non rientra fra quelli ex art. 4 del decreto legge 121/02 per i quali si può fare a meno della contestazione immediata perché l’accertamento avviene da remoto e l’infrazione viene rilevata quando il veicolo è già transitato o in modo automatico senza la presenza dell’agente.

Consulta la sentenza n. 2795/2018, Tribunale di Torino

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>