Questo articolo è stato letto 3 volte

Omessa esposizione del cartello di cantiere e lavori in corso nel momento dell’accertamento

Nella da sempre tranquilla giurisprudenza penale in materia di omessa esposizione del cartello di cantiere, che, come ci ricorda la Cassazione penale, sez. III, 19 ottobre 2017, n. 48178, a fare tempo dalla decisione a Sezioni Unite n. 7978/1992, ove l’esposizione sia imposta dalla disciplina locale o dal titolo edilizio (concessione/permesso di costruire), sanziona tale condotta, prima, ai sensi della lettera a), art. 20, legge n. 47/1985, ed oggi, in piena continuità normativa, ai sensi della lettera a) dell’art. 44, T.U. Edilizia, la decisione qui in commento, si segnala perché, oltre a ribadire i principî ormai del tutto consolidati che regolano questa fattispecie, affronta un aspetto particolare, credo non frequentissimamente indagato o comunque non così ricorrente nei massimarî.

Continua a leggere l’articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>