Questo articolo è stato letto 9 volte

Parte col botto il progetto “Multe social”: in 6 mesi 42 contravvenzioni

Fonte: http://www.bergamonews.it

Informare la polizia locale di parcheggi non autorizzati su marciapiedi e stalli per disabili. È questa la mission del progetto trevigliese “Multe social” nato dalla collaborazione tra la Commissione Pari opportunità, la “Locale” di Treviglio e tre associazioni del territorio – Associazione Come noi, Oltre l’orizzonte e Associazione Treviglio Urbana – che in soli sei mesi ha portato a grandi risultati in termini di controlli e sanzioni.

In totale dal 23 marzo – giorno del via ufficiale al progetto – sono state ben 82 le “soffiate” arrivate al comando trevigliese, con 42 abusi accertati e sanzionati da parte delle forze dell’ordine. Quaranta, invece, i controlli “negativi” legati a segnalazioni errate o all’impossibilità di rintracciare il mezzo indicato. Sette, infine, le segnalazioni incomplete – mancanza di dati essenziali nella segnalazione – che hanno portato comunque in alcuni casi all’individuazione di veicoli in sosta non autorizzata.

“La Commissione pari opportunità in collaborazione con diverse associazioni di Treviglio che operano nel settore della disabilità ha deciso di costituire questo gruppo di lavoro affinché i privati cittadini possano segnalare potenziali trasgressioni – spiega Valentina Tugnoli, presidente della commissione pari opportunità – Dopo questi primi sei mesi abbiamo stilato un report qualitativo, al fine di attenzionare le aree più critiche che spesso coincidono con aree già oggetto di segnalazioni. Proprio in base a questa relazione abbiamo ottenuto la promessa alla Polizia locale perché questo zone vengano ulteriormente presidiate.

Il funzionamento del progetto è molto semplice: per effettuare una segnalazione i cittadini possono mettersi in contatto diretto con alcuni volontari delle associazioni o della Commissione pari opportunità che, dopo una serie di valutazioni, prendono in carico la segnalazione e la inviano a loro volta a un numero dedicato presente all’interno del comando di polizia locale. Qui, salvo rare eccezioni dovute all’impiego degli agenti in altre operazioni, viene inviano un vigile per accertare la reale infrazione da parte degli automobilisti indisciplinati.

“Si tratta di segnalazioni qualificate – rivela il comandante della polizia locale di Treviglio Antonio Nocera – che passano per un canale già predisposto collegato direttamente ai volontari delle associazioni che a loro volta “filtrano” le segnalazioni e le inoltrano al numero dedicato in nostro possesso. Oltre a questo utile servizio rimane ovviamente attivo e operativo anche il canale principale per tutti i cittadini, che è quello che mette in contatto diretto con la centrale operativa del nostro comando”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>