Questo articolo è stato letto 24 volte

Pass invalidi contraffatto

IL CASO – Un automobilista aveva esposto sul cruscotto della propria auto una riproduzione plastificata e a colori del pass invalidi originale rilasciato alla madre e non una semplice fotocopia.

Nel caso di specie si configura il reato di falsità materiale commessa dal privato in autorizzazioni amministrative, contestato all’imputato e per il quale gli era già stata inflitta una condanna in sede di merito.

Affinché si configuri il reato è necessario che il documento esposto sul proprio cruscotto “abbia l’apparenza e sia utilizzato come originale, non presentandosi come mera riproduzione fotostatica”.

 

 

Consulta la sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>