Questo articolo è stato letto 59 volte

Per contestare il contenuto di un verbale di PG non è necessaria la querela di falso

per-contestare-il-contenuto-di-un-verbale-di-pg-non-e-necessaria-la-querela-di-falso.jpg

Nell’ambito di un ricorso in Cassazione, emerge come secondo i ricorrenti la ricostruzione del sinistro fornita nel verbale di Polizia Giudiziaria non sia attendibile. I fatti sembrano essere avvenuti in presenza degli agenti di Polizia Giudiziaria, circostanza in realtà falsa e non verificatasi.

Contro il contenuto del verbale viene quindi esposta querela di falso. I giudici, nel procedere al respingimento del ricorso, ricordano che:

“In tema di sanzioni amministrative per violazioni del Codice della Strada, per contestare le affermazioni contenute in un verbale proveniente da un pubblico ufficiale su circostanze oggetto di percezione sensoriale, e come tali suscettibili di errore di fatto – nella specie, la rilevazione del numero di targa di un’auto – non è necessario proporre querela di falso, ma è sufficiente fornire prove idonee a vincere la presunzione di veridicità del verbale”.

Gli apprezzamenti e le valutazioni del verbalizzante non godono infatti della “fede privilegiata”. Lo stesso vale per i fatti di cui i pubblici ufficiali hanno notizia da altre persone, o ricostruiscono attraverso personali considerazioni logiche.

Consulta la Sentenza n. 3785/2017, Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>