Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • Rss Feed
Cerca nel sito

DIRETTORE
ELENA FIORE

COMITATO DI REDAZIONE
Sergio Bedessi, Alberto Gardina, Maurizio Marchi

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Raffaella Bianchi

Inserito: 12/04/2017 Letto: 4119 volta/e

Condividi su Linkedin

Img

Selezione pubblica e concorsi pubblici: la differenza

Il Consiglio di Stato esamina, con la Sentenza n. 1549 del 4.4.2017, un ricorso contro una selezione pubblica bandita ai sensi dell’art. 110 del TUEL

La selezione pubblica non è un concorso e non deve sottostare alla stessa giurisdizione, lo ricorda il Consiglio di Stato affrontando un ricorso presentato contro una selezione ai sensi dell’art. 110 del TUEL. L’uomo, entrato in graduatoria in un precedente concorso bandito dal medesimo comune, lamenta il mancato scorrimento della graduatoria.

Secondo l’art. 110, comma 1, TUEL, i posti di responsabilità o di alta specializzazione possono essere assegnati attraverso una selezione pubblica che tenga conto di esperienza e professionalità dei candidati. Il contratto che verrà poi firmato sarà un a tempo determinato.

Le caratteristiche della selezione pubblica

La procedura di selezione ha caratteristiche diverse da quelle del concorso pubblico. Non si tratta di una scelta fra candidati sulla base di titoli posseduti e prove uniformate che ne indaghino preparazione e capacità, ma piuttosto di una valutazione dei vari profili professionali al fine di selezionare fra varie figure quella che meglio si adatta all’incarico in palio. Non viene infatti redatta alcuna graduatoria al termine della selezione.

Secondo i giudici inoltre:

”La procedura selettiva prevista dall’art. 110 TUEL «non può essere identificata in una vera e propria procedura concorsuale», […] essa si contraddistingue per una valutazione «di tipo comparativo e procedimentalizzata». Ciò non è tuttavia sufficiente a radicare la giurisdizione amministrativa in una materia, quella del pubblico impiego privatizzato, in cui vige una generale giurisdizione del giudice ordinario, salvo le materie specificamente ad esso sottratte dal testo unico sul pubblico impiego. E tra queste materie vi è appunto quella del concorso pubblico, con le sue peculiari caratteristiche sopra descritte, in assenza delle quali si deve applicare la regola generale della giurisdizione ordinaria.

Quindi solo in caso del concorso svolto nella sua forma più tipica emergono posizione di interesse contrapponibili al superiore interesse pubblico dell’Ente Locale. Quando invece la selezione non si configura in una selezione e non genera una graduatoria in base a titoli ed esami, essa è una “scelta, del tutto fiduciaria, del candidato da collocare in posizione di vertice, ancorché ciò avvenga mediante un giudizio comparativo tra curricula diversi”.

Consulta la Sentenza n. 1549 del 4.4.2017, Consiglio di Stato

 

Commenti

Autore: assunta cavaliere
Data: 22/06/2017 10:09
buongiorno,vorrei sapere se le graduatorie(enti pubblici) verticali bloccate dal decreto brunetta, con l'approvazione del decreto madia posso scorrere per gli idonei ancora in graduatoria. I concorsi interni sono concorsi pubblici? se si sono in vigore fino al 2018? e quindi si può ancora attingere da queste graduatorie!graie

 

Lascia il tuo commento





Previous Next
Previous Next