Maggioli Editore
LOGIN ricorda Password dimenticata
  • Rss Feed
Cerca nel sito

DIRETTORE
ELENA FIORE

COMITATO DI REDAZIONE
Sergio Bedessi, Alberto Gardina, Maurizio Marchi

COORDINAMENTO REDAZIONALE
Raffaella Bianchi

Inserito: 12/07/2018 Letto: 31 volta/e

Condividi su Linkedin

12/07/2018
Colonnine elettriche, “solo” 100mila punti ricarica in Europa. Costruttori auto: «Ne servono due milioni»

«Gli obiettivi per le emissioni di CO2 proposti da alcuni eurodeputati sono semplicemente irraggiungibili» e devono essere «adattati» alla situazione reale del mercato delle auto elettriche in Ue. È l’avvertimento lanciato dall’Associazione europea dei costruttori di automobili ( Acea) a pochi giorni dal voto del Parlamento europeo - previsto il 10 luglio - sui futuri limiti delle emissioni per le automobili e i veicoli commerciali furgoni, che la Commissione europea vorrebbe ridurre del 30% e l’Europarlamento del 50%.

Secondo un nuovo studio diffuso da Acea, sono circa 100.000 i punti di ricarica per veicoli elettrici attualmente presenti nell’Ue, concentrati «per il 76% in soli quattro paesi (Paesi Bassi, Germania, Francia e il Regno Unito)». Seguendo la linea della Commissione Ue - sostengono i costruttori europei - ne sarebbero necessari almeno 2 milioni entro il 2025, mentre la proposta del Parlamento ne prevede 8,4 milioni nei prossimi 12 anni.

«Gli eurodeputati devono essere consapevoli che senza l’azione radicale degli Stati membri, questo semplicemente non accadrà», ha detto il segretario generale Acea, Erik Jonnaert. «Le future riduzioni di CO2 dipendono dalle maggiori vendite di veicoli elettrici, e le maggiori vendite di veicoli elettrici dipendono da una fitta rete di infrastrutture di ricarica.

Fonte: motori.ilmessaggero.it

Indietro


Previous Next
Previous Next