Questo articolo è stato letto 7 volte

Porto d’armi e criminalità organizzata

porto-d-armi-e-criminalita-organizzata.jpg

Il Consiglio di Stato con sentenza n. 2999/2016 ha ribadito che l’Autorità di polizia può ragionevolmente disporre il divieto di detenere armi, ovvero la revoca di una licenza o il diniego del suo rinnovo, quando il suo titolare sia un congiunto di un appartenente alla criminalità organizzata (ovvero comunque abbia collegamenti con essa) e abbia consueti rapporti con questi, ovvero ne sia anche saltuariamente convivente.

Leggi la sentenza

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>