Questo articolo è stato letto 0 volte

Positivo all’alcoltest a causa di un farmaco per gli occhi: la Cassazione conferma la condanna

positivo-allalcoltest-a-causa-di-un-farmaco-per-gli-occhi-la-cassazione-conferma-la-condanna.jpg

Confermata la condanna per un uomo fermato al volante e risultato positivo all’alcoltest. A nulla serve il ricorso con il quale il soggetto ritiene che lo stato d’ebbrezza é stato ravvisato in quanto egli aveva assunto, prima di mettersi alla guida, un farmaco contenente etanolo (del quale è allegata la prescrizione).

I giudici fanno notare come la prescrizione di un farmaco risalente a tre anni prima della violazione non costituisca prova dell’assunzione dello stesso.

Inoltre la prova liberatoria non può consistere nella mera allegazione di certificazione medica attestante l’assunzione di farmaci idonei ad influenzare l’esito del test, quando tale certificazione sia sfornita di riscontri probatori in ordine sia all’effettiva assunzione del farmaco sia alla concreta riconducibilità del rilevato tasso alcolemico a detta assunzione.

Consulta la Sentenza n. 33769/2017, Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>