Questo articolo è stato letto 1 volte

Procedibilità a querela: i chiarimenti delle Sezioni Unite

procedibilita-a-querela-i-chiarimenti-delle-sezioni-unite.jpg

Le Sezioni Unite forniscono le prime indicazioni sull’estensione della procedibilità a querela introdotta con il d.lgs. n. 36/2018

Le questioni riguardano, in particolare, l’art. 12 del d.lgs. 10 aprile 2018, n. 36Disposizioni transitorie in materia di perseguibilità a querela”, secondo cui «il giudice, dopo l’esercizio dell’azione penale, anche, se necessario, previa ricerca anagrafica, informa la persona offesa dal reato della facoltà di esercitare il diritto di querela e il termine decorre dal giorno in cui la persona offesa è stata informata»:

«se, in presenza di un ricorso inammissibile, debba darsi alla persona offesa l’avviso previsto dall’art. 12 per l’eventuale esercizio del diritto di querela»;

«se durante i 90 giorni decorrenti dall’avviso dato alla persona offesa, si sensi dell’art. 12 cit., operi la sospensione del termine di prescrizione».

La soluzione delle Sezioni Unite, all’udienza del 21 giugno u.s., è negativa in entrambi i casi.

Consulta l’informazione provvisoria n. 17/2018, Cassazione Penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>