Questo articolo è stato letto 1 volte

Reati edilizi

reati-edilizi-1.jpg

L’opera realizzata, per le sue caratteristiche strutturali, la sua consistenza e, in particolare, per la sua stabilità desumibile dall’ancoraggio della medesima al suolo con plinti di cemento e piastre d’acciaio, non può certo definirsi come precaria nè, peraltro, risultano dedotte esigenze transitorie e momentanee connesse alla realizzazione dell’opera che potessero evidenziare una precarietà funzionale dell’opera medesima. 

Vedi il testo della Sentenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>