Questo articolo è stato letto 2 volte

Resistenza a pubblico ufficiale: condanna per reazione violenta durante l’accertamento

resistenza-a-pubblico-ufficiale-condanna-per-reazione-violenta-durante-l-accertamento.jpg

Va condannato per il reato previsto e punito dall’art. 337 C.P. l’imputato che, durante una operazione di controllo di documenti e titoli di viaggio, reagisce in modo violento nel tentativo di opporsi al controllo, strattonando il controllore per l’uniforme, al punto di strapparla, e fare cadere a terra l’incaricato nell’esercizio delle sue funzioni (nel caso in oggetto, un capotreno).
La tesi difensiva – evidenziano i giudici della Suprema Corte –  secondo cui l’imputato non avrebbe inteso opporsi all’atto del capotreno, ma semplicemente riappropriarsi dei documenti, stante l’approssimarsi della fermata dove doveva scendere, risulta destituita di fondamento, alla stregua della descritta dinamica e della immediatezza del controllo in atto, che avrebbe richiesto pochi attimi (non senza aggiungere che il treno ancora doveva raggiungere la stazione).
Leggi la Sentenza 7.11.2016 n. 46610 della Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>