Questo articolo è stato letto 18 volte

ARAN: Retribuzione piena del congedo parentale per i dipendenti del Comparto Regioni e Autonomie Locali

retribuzione-piena-congedo-parentale.jpg

Alla luce delle modifiche apportate all’art.34 del D.Lgs. 151/2001 dall’art.9 D.Lgs 20/2015, si può riconoscere ad un dipendente di un ente del Comparto Regioni e Autonomie Locali la retribuzione piena dei primi trenta giorni di congedo parentale? Anche qualora il figlio abbia superato gli otto anni? Questo il quesito a cui l’ARAN risponde nell’Orientamento Applicativo citato in occhiello. Innanzitutto è opportuno ricordare che la disciplina di miglior favore dell’art.17, comma 5, si muove pur sempre nella cornice legale dell’art.34 del D.Lgs. 151/2001.

Precisato ciò, l’Agenzia per la Rappresentanza Nazionale della PA ritiene che il trattamento economico intero, per il caso in questione, possa essere corrisposto:

  1. prima del compimento del sesto anno di vita del bambino;
  2. solo qualora sussistano le necessarie condizioni reddituali del dipendente e il figlio sia fra i 6 e gli 8 anni d’età.

Per saperne di più e per i riferimenti normativi accedi al documento nell’archivio di PolNews:
Orientamenti applicativi ARAN 13/1/2017 n. RAL_1894

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>