Questo articolo è stato letto 0 volte

Revisione patente: l’eccesso di velocità non basta da spiegare, senza i danni a terzi, il motivo per cui il conducente non può più guidare

revisione-patente-leccesso-di-velocita-non-basta-da-spiegare-senza-i-danni-a-terzi-il-motivo-per-cui-il-conducente-non-puo-piu-guidare.png

Accolto il ricorso della automobilista che si è vista sospendere la patente perché responsabile dell’incidente stradale, non dovrà rifare l’esame della patente o sottoporsi a visita medica, anche se il sinistro si è verificato su di un rettilineo con un evidente eccesso di velocità da parte del conducente.

La donna è risultata negativa ai test su alcol e droga, l’unica infortunata nel sinistro è la stessa responsabile e non risultavano gravi i danni alla moto coinvolta inoltre la signora non ha mai commesso gravi infrazioni né subito “decurtazioni” sulla patente. Non si può costringerla a rifare l’esame anche perché al momento dell’impatto l’asfalto era bagnato.

Il provvedimento di revisione, invero, ha natura cautelare e non sanzionatoria: la Motorizzazione ha senz’altro discrezionalità nel disporre la revisione dell’autorizzazione ma è sempre tenuta a riferire per quale motivo il conducente non è più in grado sul piano tecnico o psicofisico di mettersi al volante del mezzo. E ciò perché qualunque tipo di sinistro di per sé non giustifica il provvedimento ex art. 128 C.d.S.

Consulta la sentenza n. 181/2017, Tar Liguria

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>