Questo articolo è stato letto 53 volte

Sospensione della patente in caso di guida in stato d’ebbrezza: sanzione accessoria o misura cautelare?

sospensione-della-patente-in-caso-di-guida-in-stato-debbrezza-sanzione-accessoria-o-misura-cautelare.jpg

La Corte di Cassazione, interrogandosi sulla natura della sanzione accessoria della sospensione provvisoria della patente di guida ai sensi degli artt. 186, comma 2, lett. b) e 223, comma 1, C.d.S., ricorda che tale provvedimento è disposto dal prefetto ed ha il limite massimo di due anni, con finalità di tutela immediata dell’incolumità dei cittadini e dell’ordine pubblico, per impedire che il conducente del veicolo continui nell’esercizio di un’attività potenzialmente creativa di ulteriori pericoli.

Diverso è il caso di cui all’art. 186, comma 9, C.d.S. Trattasi infatti di sospensione cautelare che il prefetto adotta sino all’esito della visita medica, e presuppone il riscontro di un tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l. La finalità del provvedimento è evidentemente diversa e risiede nell’esigenza di acquisire rapidamente il riscontro medico sulla condizione del conducente, al fine di valutarne l’idoneità alla guida, e quindi anche in funzione della revoca della patente.

Consulta la Sentenza 16051 del 27.6.2017, Corte di Cassazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>