Questo articolo è stato letto 0 volte

Ticket per la sosta taroccato

ticket-per-la-sosta-taroccato.png

Il controllo effettuato da un vigile urbano fa intervenire la polizia giudiziaria per verificare la falsità del ticket “gratta e sosta” posizionato sul cruscotto di una autovettura.

Inevitabile la condanna per l’automobilista, ritenuto colpevole di “falsità materiale commessa da privato”.

I Giudici escludono l’ipotesi della “grossolanità del ticket”, confermata anche dal fatto che il vigile urbano ha avuto la necessità di chiamare la polizia giudiziaria per avere conferma della alterazione del tagliando per la sosta.

Consulta la sentenza n. 48107/2017, Cassazione penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>