Questo articolo è stato letto 65 volte

Truffa dello specchietto: c’è l’aggravante

truffa-dello-specchietto-ce-laggravante.png

Riconosciuta l’aggravante della minorata difesa di cui all’art. 61, n. 5, c.p. in considerazione delle caratteristiche dei luoghi scelti dall’imputato, per lo più strade strette e densamente trafficate.

Le vittime della truffa venivano indotte a credere in un tamponamento stradale, nel quale s’infrangeva lo specchietto dell’auto noleggiata dall’organizzazione che faceva capo all’imputato, proprio approfittando dell’intenso traffico presente sulla strada che rendeva maggiormente credibile l’evento e riduceva le capacità critiche e reattive delle vittime.

La circostanza aggravante della minorata difesa è sussistente laddove le situazioni del caso concreto abbiano ridotto o comunque ostacolato le capacità di difesa della parte lesa, agevolando così la commissione del reato.

Consulta la sentenza n. 40268/2017, Cassazione penale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>